Orologi di Pregio

PUNTO VENDITA BULOVA

Una guida alla scelta

Vendita orologi Roma

Nella scelta di un orologio di valore occorre soffermarsi su aspetti evidenti:
finiture della cassa
design del quadrante
morbidezza del cinturino o comfort del bracciale metallico.

Altri particolari sono invece più nascosti e per apprezzarli occorre una certa familiarità con l’orologeria meccanica. Si parla allora di precisione, ma anche di fruibilità delle funzioni, come rimessa all’ora, indicazione della data, carica automatica, cronografia. Nel movimento dell’orologio si scopre poi un universo di ruote e leve che, nella maggior parte dei casi, è il vero oggetto dell’attenzione di chi si appassiona all’orologeria.

Per riconoscere un orologio di alta qualità la regola di affidarsi a marchi noti e riconosciuti è sempre valida, con un occhio ai prezzi degli orologi vintage, nelle aste specializzate, per valutare la tenuta del valore nel tempo. Così come è fondamentale affidarsi a un laboratorio di orologeria fidato che sappia indirizzare la scelta.

Vademecum per la scelta di un orologio di pregio

  • Verificare che il vetro del quadrante sia di vetro zaffiro inscalfibile e non un semplice vetro minerale
  • La cassa deve essere sagomata con utensili da taglio (che permettono forme e decorazioni particolari) e non prodotta per stampaggio.
  • Nel quadrante osservare bene la decorazione e verificare se il guillochage (incisione) è realizzato a mano su macchinari d'epoca o tramite stampaggio (meno luminoso, solchi troppo uniformi).
  • La colorazione galvanica del quadrante è più resistente agli effetti del tempo.
  • Gli indici delle ore pregiati sono applicati al quadrante con un procedimento manuale e spesso realizzati in metallo prezioso. Una “imitazione” è data dagli indici a rilievo stampati dal retro del quadrante e poi colorati a contrasto con il fondo.
  • Il bordo dei meccanismi metallici in un orologio di qualità è rifinito ad anglage (gli spigoli sono smussati e lucidati, a mano o a macchina).
  • La corona della carica manuale deve essere di facile azionamento: un buon automatico non deve sentirsi al polso, né essere rumoroso.
  • Nel datario occorre verificare che lo scatto della data avvenga in maniera esatta a cavallo della mezzanotte.
  • Un cronografo di qualità si distingue per l’impiego di un elemento meccanico chiamato “ruota a colonne” e per la morbidezza dei pulsanti associata a precisione nell’avvio, arresto e azzeramento delle lancette cronografiche.
Share by: